Addio Serie C

Bitonto calcio, società amareggiata: 'Sentenza oltremisura punitiva ed incompatibile'

Abbaticchio: 'Affranti, storditi e soli'. Gli ultras chiedono di allontanare chi ha causato questo disastro

Calcio
Bitonto sabato 12 settembre 2020
di La Redazione
Striscione ultras neroverdi
Striscione ultras neroverdi © n. c.

All’indomani della sentenza che ha confermato la penalizzazione di cinque punti per l’Us Bitonto e quindi l’esclusione dal prossimo campionato di Serie C per effetto della perdita del primo posto in classifica, arrivano i commenti.

La società neroverde non ritiene giusta la sentenza, parla di “non decisione”, “sanzione oltremisura punitiva ed incompatibile” ed esprime tramite il proprio account Facebook il dissapore al riguardo.

“Il CAF ha incomprensibilmente respinto il reclamo presentato dall’U.S. Bitonto Calcio S.r.l. avverso la sentenza che in primo grado ha penalizzato la società di 5 punti per la stagione 2019/2020, con ciò imponendo al Bitonto di rinunciare alla sua prima storica promozione in Serie C e di ripartire nuovamente dalla Serie D.

Provvedimento insperato che ha il sapore ingiustificabile della ‘non decisione’. La CAF non ha tenuto minimamente conto dei giustificati motivi di reclamo avanzati dalla società, in parte avallati anche dalla Procura Federale, ossia che la stagione 2020/2021 fosse a tutti gli effetti già avviata, con gli iter procedurali d’iscrizione già evasi dalla società e, pertanto, gli effetti della sanzione disposta in primo grado avrebbero dovuto applicarsi alla stagione in corso e non già alla precedente.

Si tratta di una sanzione oltremisura punitiva ed incompatibile con la professata e confermata (dal medesimo Tribunale sportivo, già in primo grado) totale estraneità ai fatti (vedi proscioglimento in I grado del presidente Francesco Rossiello e del segretario Paolo D’Aucelli, per mancanza di responsabilità diretta)”.

“Dico solo che siamo affranti, storditi e, diciamolo pure, anche soli – è il commento invece del sindaco Michele Abbaticchio –. Bitonto è stata emarginata a causa di un episodio di poche teste calde ed è un film già visto. Solidarietà al Presidente Francesco Rossiello che ci ha regalato un sogno e, ne sono certo, ne donerà altri ancora. Solidarietà a tutti coloro che, tra società e tifosi, hanno sostenuto un obiettivo che resta alla portata dell'abilità di Francesco. E resta nei meriti sportivi, guadagnati sul campo, di uno straordinario viaggio. Come ho già scritto due settimane fa i lavori allo Stadio verranno comunque eseguiti”.

Delusi ed amareggiati anche gli ultras che hanno visto infrangersi il sogno di approdare per la prima volta in un campionato professionistico. Uno striscione esposto in piazza Cavour recita: “La legge degli ultrà non ammette pietà, fuori dalla città chi ha tradito la nostra dignità”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Michele pugliese ha scritto il 13 settembre 2020 alle 08:43 :

    Francesco Rossiello un Signore con la S maiuscola, nn abbandonare la tua nave, perche ora ci sono sopra i marinai onesti che possono navigare verso un grande traguardo e raggiungere il sogno della serie C , che sicuramente a qualcuno senza far nome gli bruciava tantissimo ed ora sta godendo come un pazzo!! Rispondi a Michele pugliese

  • Arrivedorci ha scritto il 12 settembre 2020 alle 17:00 :

    Io non c'e l ho col Bitonto,ma bisogna dire che il Foggia era a -1 e c'erano ancora partite da giocare e il Foggia poteva ancora vincere il campionato. Il virus aveva "regalato" la serie C al Bitonto,era una promozione di cartone Rispondi a Arrivedorci

    Gianni Bordet ha scritto il 14 settembre 2020 alle 20:03 :

    Mai il Bitonto avrebbe vinto quel campionato , a foggia avrebbe preso 4 goals Era in caduta libera , non vinceva più, e il vantaggio lo aveva accumulato perché foggia e audace erano partite in ritardo, con 8 partite da giocare il bitonto arrivava 5’ E poi quel venduto di patierno era capocannoniere con tanti rigori ,Rodriguez arrivato a novembre se fosse partito a settembre lo avrebbe sorpassato. Tifosi e società sono innocenti ma in società c’è uno che non lo è e cioe’ desantis In ogni caso il Bitonto ha venduto la seie C degli altri ma come un boomerang ha venduto la sua. Grazie anche al bitontino doc cosimino! Rispondi a Gianni Bordet

  • Gino piccinni ha scritto il 12 settembre 2020 alle 15:55 :

    Mai stati in C. E mai lo saremo. Grazie a tutti. Rispondi a Gino piccinni

  • Sudland ha scritto il 12 settembre 2020 alle 10:10 :

    È più grave l'inciucio foggia,tutto calibrato per farla salire in serie C che quattro miserabili morti di fame nelle gole degli strozzini. . .. Rispondi a Sudland

    Giovanni Selano ha scritto il 13 settembre 2020 alle 11:28 :

    Mi dispiace ma solo la scorsa estate il Foggia è stato vittima prima di un'assurda penalizzazione per vizi amministrativi, poi di chi gli ha impedito di disputare i play-out di serie B (Lotito è Company) poi del tradimento della società che ci ha trascinati verso la scomparsa dal calcio. Che siano i poteri forti, la giustizia sportiva, le società malate o i calciatori mercenari (come nel caso del Bitonto) sono sempre e solo i tifosi a pagare il conto più salato. Mi dispiace per Bitonto e i tifosi, ma qui di inciucio a favore del Foggia non si può proprio parlare. Sappiamo noi che cosa abbiamo passato gli ultimi 2 anni Rispondi a Giovanni Selano

    Franco pippardi ha scritto il 12 settembre 2020 alle 22:07 :

    Auguri per la promozione 😂😂🤣🤣🤣 Rispondi a Franco pippardi

  • Bitontino verace ha scritto il 12 settembre 2020 alle 09:24 :

    Ma la recinzione del fossato è di proprietà dei pseudo tifosi? Così come hanno messo dappertutto i colori della nostra città possono anche provvedere alla rimozione degli stessi.... Rispondi a Bitontino verace

  • MICHELE CORTESE ha scritto il 12 settembre 2020 alle 08:18 :

    Ancora una volta la politica ha fatto la sua vittima la Citta' di Bitonto esce sconfitta oltre quello che doveva essere una giusta sentenza senza perdere la serie C, con questo oltraggio si colpisce il popolo bitontino e senza peli sulla lingua non si giustifica l'operato dei giudici come giustamento lo sono stati con i giocatori coinvolti. Rispondi a MICHELE CORTESE

    Franco pippardi ha scritto il 12 settembre 2020 alle 22:09 :

    La vostra dimensione è quella della D e forse è pure troppo auguri per la promozione Rispondi a Franco pippardi

    Antonio M ha scritto il 14 settembre 2020 alle 14:23 :

    Penso che nessuno possa dire a che dimensione appartieni, e poi l campionato era chiuso e il Foggia era in D per suo demerito,e non sta scritto da nessuna parte che avrebbe vinto lo scontro diretto.Avete rubato oltre al campionato anche i sogni delle piccole realtà, ma nella vostra dimensione li avevate i soldi per un eventuale ripescaggio? ahahahah ora capisco i 5 punti.....da scontare in un campionato dove eravate voi.ahahah Rispondi a Antonio M

  • giuseppe ha scritto il 12 settembre 2020 alle 07:45 :

    ..."chi è senza peccato scagli la prima pietra" della serie che la corruzione può albergare ovunque ..."a buon intenditore poche parole" Rispondi a giuseppe