La conferenza stampa

Presentato ieri il nuovo tecnico dell'U.S. Bitonto Calcio

Il molfettese Nicola Ragno torna a Bitonto dopo 17 anni

Calcio
Bitonto sabato 19 settembre 2020
di Marco Lovero
Presentato ieri il nuovo tecnico dell'U.S. Bitonto Calcio
Presentato ieri il nuovo tecnico dell'U.S. Bitonto Calcio © n.c.

Si è tenuta nella serata di ieri, venerdì 18 settembre, la conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico dell'U.S. Bitonto, il molfettese Nicola Ragno e della nuova campagna di abbonamenti 2020/2021 presso la sala stampa dello stadio "Città degli Ulivi" di Bitonto.

L'evento, svoltosi a porte chiuse a causa delle norme Covid19 ma trasmesso anche in diretta Facebook, ha visto come temi centrali la rinuncia alla serie C ( dovuta alla decisione del CAF di penalizzare la società di 5 punti per la stagione 2019/2020) e la conseguente faticosa ripartenza dalla serie D nella stagione 2020/ 2021, una stagione sicuramente faticosa per il Bitonto del Presidente Rossiello, dove è di fondamentale importanza ricompattare l'ambiente e recuperare le energie per dare a mister Ragno la squadra migliore nel minor tempo possibile, cercando quindi di formare un gruppo di ragazzi e uomini "Veri", che sappiano comprendere il peso della maglia e l'importanza del duro lavoro e dei sacrifici.

Importantissimo è stato il parere del nuovo tecnico, grato al Presidente della società per questo ritorno a Bitonto (dove vinse un campionato di Eccellenza, con conseguente promozione un Serie D, nella lontana stagione 2002/ 2003), che trova una rosa meno competitiva e meno numerosa rispetto al Bitonto della precedente stagione, in cui è necessaria la conferma di giocatori come Lattanzio e Colella e presenza di un attaccante, un centrocampista e un difensore da cercare nel mercato di Lega Pro, dove le trattative di acquisto di nuovi giocatori si fanno sempre più delicate, cercando di superare le difficoltà di campionato nel creare una squadra competitiva che possa affrontare sul campo avversari di grande livello. Per il tecnico molfettese è quindi vitale avere molte idee messe a fuoco nel tempo, lavorare molto sulle cose essenziali e avere una rosa di 22 elementi validi che sappiano ricominciare con grande Umiltà che riesca a scacciare il senso di sconfitta ( che è purtroppo presente) iniziando con un grande entusiasmo nella prima partita di Campionato.

La conferenza stampa è stata poi conclusa dal Presidente Francesco Rossiello, un uomo che ha saputo gestire i giorni difficili della mancata promozione in Serie C soffrendo in silenzio, trovando forza nel sostegno di migliaia di tifosi che condividono con lui lo stesso sogno, la stessa speranza e dove non si poteva non continuare l'avventura del Bitonto, dove la domenica rabbia e delusione possano finalmente trasformarsi in un simbolico ruggito di rinascita di un Leone ferito che potrà rialzarsi.
Lascia il tuo commento
commenti