Prenotazione e green pass obbligatori per partecipare

Assodj Festival, a Villa Sylos due workshop e un evento-spettacolo

Dal 16 al 18 settembre, tre giorni dedicati al sano divertimento e al racconto di un settore in continua evoluzione

Spettacolo
Bitonto martedì 14 settembre 2021
di La Redazione
Assodj Festival
Assodj Festival © Giuseppe Pistritto

Un’occasione di formazione per i professionisti del settore, ma anche un evento-spettacolo corale per ricostruire, in musica, come il periodo di pandemia ha trasformato la nostra quotidianità. Dopo lo stop di un anno, l’Assodj Festival torna con una tre giorni di appuntamenti gratuiti a Bitonto, che per l’occasione si spostano a Villa Sylos, area comunale che accoglie lo storico edificio denominato ‘La Contessa’ e che dal 16 al 18 settembre si trasforma nel palcoscenico da cui rilanciare la mission che l’associazione Assodeejay persegue sin dalla sua prima edizione: promuovere il sano divertimento e richiedere alle istituzioni di regolamentare un settore ancora troppo “sommerso”.

 

I WORKSHOP

Per l’edizione 2021, sono due gli appuntamenti di formazione in programma a Villa Sylos, con un focus specifico su diritti e obblighi fiscali e sull’esercizio della professione secondo i principi deontologici che la regolamentano. Si parte giovedì 16 settembre alle 18.30 con il workshop Gestione e organizzazione eventi e spettacoli, organizzato in collaborazione con il Demodé Club che vanta anni di esperienza nel settore. Un appuntamento che mira a fornire informazioni sull'organizzazione e la gestione degli eventi, con una particolare attenzione alle norme imposte dal periodo storico in cui stiamo vivendo.

Venerdì 17 settembre, invece, il focus si sposta su La produzione musicale, formazione e sbocchi professionali. A partire dalle 18.30 il dj e producer Michi Fasano – che negli anni ha affiancato nomi del calibro di Gabry Ponte, Gigi D'Agostino, Albertino e Provenzano, oltre a collaborare come sound designer con il conservatorio Nino Rota di Monopoli – e Benny Bolognino faranno da guida al pubblico, alla scoperta di tutti i segreti dell'affascinante mondo della produzione musicale.

I due workshop sono rivolti in egual modo ad appassionati che stiano cercando uno sbocco lavorativo nel mondo del djing, così come ai professionisti che cercano un momento di approfondimento.

 

L’EVENTO-SPETTACOLO “PANDEMIX”

Come da tradizione, culmine della manifestazione è lo speciale evento-concerto in programma sabato 18 settembre alle 20.30. Pandemix si propone di raccontare attraverso perfomance musicali e artistiche il particolare momento vissuto a partire dal 9 marzo del 2020, quando l’esplosione della pandemia costrinse gli italiani ad un lockdown forzato e il mondo dello spettacolo e della cultura a spegnere i riflettori. Quattro dj si alterneranno dietro la consolle – tra cui il vincitore dell’edizione 2019 del contest per dj lanciato dalla manifestazione, Andrea Naglieri – per uno spettacolo che ci porterà a rivivere quattro momenti chiave di questo momento storico, scanditi dalle evoluzioni aeree e dalle atmosfere circensi del Red Light Circus, e dai sinuosi movimenti dei ballerini della Free Dance Academy. Oltre ad Andrea Naglieri, la perfomance musicale della serata sarà curata da Frankye Polaris, Mista P. e Andrew Mills, mentre Kekko Di Michele sarà la voce narrante.

L’evento sarà trasmesso in diretta sull’emittente televisiva Delta Tv, sulla pagina Facebook di Assodjfestival e sulla piattaforma Eventi in diretta (www.eventiindiretta.it).

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito previa prenotazione via e-mail all’indirizzo assodjfestival@gmail.com o con un messaggio WhatsApp al numero 327 288 47 25 (indicando nome, cognome, indirizzo e-mail e numero telefonico, indirizzo di residenza) o compilando l'apposito form d’iscrizione sulla pagina Facebook di Asso Dj Festival (pulsante Iscriviti). Per poter accedere sarà inoltre obbligatorio essere in possesso del green pass, come da normativa vigente per gli spettacoli dal vivo.

"Siamo tornati dopo un anno ad organizzare il festival con la consapevolezza che la battaglia che da anni portiamo avanti, quella della regolarizzazione del mestiere del dj, è sempre più pressante – ricorda Daniela Tatulli, responsabile provinciale Assodeejay e direttrice artistica del festival - e la pandemia l'ha dimostrato, quando tanti lavoratori del divertimento notturno sono rimasti senza sostegni perché non contrattualizzati. Quest'edizione, di fianco al sano divertimento che la musica porta con sé, vuole ancora una volta lanciare un messaggio di speranza per il settore, fortemente colpito dalle restrizioni legate alla pandemia".

“Abbiamo scelto di essere al fianco degli organizzatori di Assodj Festival quest’anno – sottolinea Dario Boriglione, responsabile del Demodé Club – perché sposiamo la filosofia che muove la rassegna, imponendo una riflessione seria e tempestiva sul settore. Club e discoteche sono state le prime a chiudere e le uniche a non avere ancora idea di quando e se riapriranno, tanto che molti dei lavoratori dell'industria del divertimento hanno cambiato mestiere in questi mesi”.

L’edizione 2021 vede come coorganizzatori Promusic e il Demodè Club, è cofinanziata dal Comune di Bitonto (che ha inserito il festival nella programmazione di Bitonto Città dei Festival) e ha il patrocinio della Città metropolitana di Bari, dell’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari e del Parco delle Arti Bitonto.

Lascia il tuo commento
commenti